MADRE MARIA ZANELLI

Antonietta Zanelli, la nostra Fondatrice, è nata a Castel Guelfo il 17 giugno 1887.

Dopo i 15 anni comincia il suo discernimento vocazionale.

Madre Maria Zanelli Comincia nel suo intimo: nella preghiera generosa e semplice in cui chiede direttamente a Gesù cosa vuole da lei dopo la malattia che l’aveva prostrata fino a temere la fine della sua vita. In quell’occasione Antonietta aveva promesso: “Gesù, se mi fai guarire mi farò suora per estinguere la tua sete di anime” ed era guarita.

Poi, su invito del parroco di Castel Guelfo, si impegna a 20 anni nel canto liturgico, nella catechesi ai fanciulli e nelle opere di carità nella nascente Pia Associazione delle Piccole Apostole del Sacro Cuore. Ricorda: “Ho avuto la grazia nel primo giorno del mio Noviziato tra le Piccole Apostole di offrirmi vittima per il trionfo dell’apostolato, offerta chiestami da Gesù e approvata dal mio superiore Don Nascetti”.

In questo periodo vi è un confidente speciale per Antonietta: è lo zio materno conte Giovanni Acquaderni, co-fondatore con Mario Fani della Società Gioventù Cattolica –l’attuale Azione Cattolica- nel 1870. E’ a lui che rivela le difficoltà che sorgono in famiglia per la sua decisione di entrare in convento e scrive: “Fin che il mio corpo ne potrà, porterà la croce e quando non ne potrà più, ci penserà Gesù... Nell’unione Eucaristica, ricordami a Gesù: pregalo a darmi la forza necessaria per poter compiere ciò che Egli vuole da me”.

Nel 1919 muoiono entrambi i genitori, a distanza di 3 mesi, dopo che Antonietta li aveva accuditi amorevolmente. I suoi vincoli familiari sono finiti e si dedica del tutto alla sua vita di consacrazione in comunità e di servizio.

Madre Maria Zanelli Ma ancora si frappongono ostacoli alla realizzazione della sua vocazione, come confiderà più tardi Don Giuseppe Mazzanti: “Fu volere della Provvidenza che le strade che la Sig.na Antonietta Zanelli tentava di percorrere venissero costantemente intralciate dagli uomini”.

Si trattò di problemi di relazione nella comunità, con gelosie ed incomprensioni, e lo stesso accadde nella gestione dell’Istituto “Infanzia Abbandonata” di Imola, per cui Antonietta fu trasferita con le consorelle a S. Caterina, dove Don Bughetti le ricevette con molta gioia e la collaborazione durò poi molti anni.


Intanto, al giungere a Imola nel 1920, Antonietta aveva cercato un confessore e le era stato raccomandato Don Giuseppe Mazzanti, che dal 1911 al 1928 fu confessore in Cattedrale. Antonietta sempre portava in sé il mondo e l’ansia dell’apostolato e con il tempo imparò a conoscere anche il cammino della “piccola via” di Suor Teresa di Gesù Bambino, proprio per mezzo del direttore spirituale Don Peppino.


Dal cuore pieno di amore per Dio e per i fratelli di questi due Fon-datori ebbe origine la famiglia religiosa delle Piccole Suore di S. Teresa di Gesù Bambino il 2 novembre 1923.


Oggi, mentre celebriamo con gratitudine il compleanno di Madre Maria Zanelli, ringraziamo anche per il carisma che per suo mezzo ci è offerto e imploriamo dal Signore le vocazioni di cui la Chiesa oggi ha bisogno: sacerdoti, famiglie impegnate e generose, consacrati, missionari, tutti mossi dall’ardore del Suo Spirito.

Che S. Teresa interceda per noi.

Madre Maria Zanelli