Formazione

Il progetto formativo per diventare Piccola Suora di S. Teresa di G.B. dura diversi anni e comprende:
1. l'aspirantato: il primo approccio alla Congregazione, dopo aver sentito nel proprio cuore e nella propria preghiera che qui mi parla il mio Signore. È un tempo caratterizzato da occasioni di conoscenza reciproca fra la giovane e la Famiglia religiosa.
2. il postulato: quando sia la candidata che la Congregazione sono abbastanza convinte che questo posto sia "terra santa" per il discernimento vocazionale di quella persona, allora si comincia un cammino di approfondimento sulla persona, su Gesù Cristo, sulla vita consacrata e la Congregazione con le sue varie caratteristiche.
3. il noviziato: dopo l'approfondito discernimento delle due precedenti tappe la giovane può chiedere di entrare alla Famiglia religiosa, convinta che questa sia la chiamata che il Signore le rivolge.
Per questo deve essere ammessa al noviziato, tempo speciale di 2 anni che comprende:
un anno di "cuore a cuore con Gesù e la sua famiglia"
e uno di esperienza di vita spirituale nelle diverse comunità.
Al termine di questo tempo, la novizia può chiedere di fare la "professione religiosa", impegnandosi a vivere i "voti": è un impegno personale e pubblico di seguire da vicino Gesù povero, casto e obbediente all'interno di questa particolare Famiglia religiosa.
4. lo juniorato: la prima professione, al termine del noviziato, ha scadenza annuale e può essere rinnovata normalmente fino al sesto anno, al termine del quale di solito si fa la PROFESSIONE PERPETUA. In questo tempo la suora si impegna
"- ad acquistare e sviluppare una forte personalità religiosa, secondo lo spirito dell'Istituto e in relazione alla vita apostolica;
- ad approfondire il senso ecclesiale della sua vocazione;
- ad attendere in maniera specifica alla sua formazione dottrinale, apostolica e professionale"
(Costituzioni, art. 152).
Si tratta di capire a fondo e vivere in prima persona l'impegno della vita consacrata che si svolge fra preghiera, vita comune e servizio, nella fedeltà dei minimi gesti quotidiani resi santi dall'amore con cui si compiono (v. piccola via).
5. la professione perpetua: questa è la professione dei voti religiosi paragonabile al matrimonio sacramentale, pur non essendo un sacramento ma l'approfondimento del Battesimo ricevuto a suo tempo.
"La formazione non si arresta con la professione perpetua, perché tutta la vita religiosa è un continuo cammino di conversione a Dio, secondo la nostra specifica chiamata all'Amore Misericordioso".
Costituzioni, art. 170)
"Tutte le Piccole Suore di S. Teresa, per rendere autentica la loro risposta vocazionale, hanno la responsabilità di approfondire continuamente il carisma dei Fondatori e di aggiornare ed accrescere la propria cultura religiosa e professionale, secondo le esigenze dei tempi e dei luoghi.
In questa prospettiva vanno viste le giornate di ritiro spirituale, gli Esercizi annuali, gli incontri promossi dall'Istituto, dalla Chiesa locale e dagli organismi religiosi a ciò preposti"
(Costituzioni, art. 171).