COMUNITÀ

ELEMENTAITA

L’ultima casa aperta in Kenya dalle Piccole Suore di S. Teresa di Gesù Bambino: nel 2006, si chiama House of Hope (Casa della Speranza), perché qui si ospitano e curano circa 60 bimbe sieropositive.


La malattia dell’AIDS è terribile non solo in se stessa, ma anche perché indica una situazione sociale molto ferita e rende difficili tutte le relazioni; spesso le bimbe sono date per spacciate e non vengono curate, altre volte i genitori, più gravemente colpiti dalla stessa malattia, non sono in grado di occuparsi dei loro piccoli. Così le 4 Suore della Comunità si occupano delle piccole fin dai 2 anni di età, anche organizzando in casa la scuola materna, poi portando le bimbe alla primaria nella scuola pubblica per 8 anni e poi alle superiori.

Ci sono già 4 signorine che hanno raggiunto questa meta e per questo una fondazione spagnola di Barrueta sta finanziando la costruzione di un’abitazione per 10 ragazze che vi trascorreranno le vacanze, visto che la scuola superiore è in forma di convitto.




Per le bimbe delle elementari alla sera si fa anche il doposcuola. Ogni mese sono sottoposte alla visita di controllo e imparano ad assumere regolarmente la medicina antiretrovirale, che le aiuta a "congelare" il virus, poi le vitamine, il ferro e quant’altro sia necessario, come a volte le trasfusioni.
Ogni 6 mesi si sottopongono al test della virulenza e così la situazione di ciascuna poco a poco diviene controllabile. Alcune bimbe sono anche tubercolotiche e quindi vanno curate come tali.

Per loro il contatto con le famiglie è spesso difficile, comunque a Natale vanno a casa per mantenere vivo l’affetto e l’interesse dei familiari.